Benvenuti su foruminsegnanti.it

   Menu
 Libero accesso :
 Homepage
 Articoli
 Sitografia
 Contattaci
 Linkaci
 Area iscritti :
 Lista utenti
 Il tuo account
 Forum
 Chat
 Messaggi Privati
 Downloads

   Pagina Facebook
_________________

_________________


  Opinioni: La scuola non è monnezza

Informazioni utili ai docentidi Gianfranco Pignatelli
9 settembre 2008
da Fuoriregistro


E' iniziato il primo anno scolastico dell'era monnezza. Quella conseguente alle elezioni vinte speculando sul pattume di Napoli. Contro chi non l'aveva tolta (amministratori locali), grazie a chi l'aveva fatta accumulata (camorra), con la promessa di toglierla (PdL). La monnezza ha così "percolato" a Roma una maggioranza politica tanto orgogliosa dei risultati raggiunti da perpetrare consigli dei ministri-passerella, esclusivamente, lungo percorsi preordinati e surreali, tra cassonetti vuoti, tirati a lucido e profumati di fresco. Fin qui, nulla, o quasi, da eccepire. È inquietante, invece, la "sindrome ministeriale della monnezza" che porta a guardare tutto come cosa vecchia, come pattume da compattare, differenziare e smaltire. In questa prospettiva s'inquadrano il disprezzo col quale, ad esempio, si guarda alla scuola. Assimilata a "stipendificio" dalla Gelmini, popolata da insegnanti vecchi, ignoranti, incapaci, e per di più terroni. Questi, a sentir Sacconi, scelgono la scuola "perché è sempre meglio che lavorare" e, secondo Brunetta, rinfoltiscono oltremodo una pubblica amministrazione già grondante di "fannulloni". Per il governo, quindi, la scuola va gestita come la monnezza. Va compattata: sopprimendo le scuole con meno di 600 alunni e riducendo da tre a uno i maestri nella scuola primaria. Va differenziata: tra scuole di pregio (al nord) e pessime (al sud). Va riciclata: trasformandola da pubblica in privata (confessionale o confindustriale) o riconvertita in fondazioni. Infine tocca ai "rifiuti speciali". Tra loro, vanno smaltiti 160.000 operatori scolastici, con tagli di organico, ed oltre 300.000 precari, per mancata assunzione, temporanea o definitiva. Una specie, quella degli insegnanti precari, che non va neanche trattata. In conclusione, per restare in tema: ministra Gelmini, io la rifiuto.

prof. Gianfranco Pignatelli





 
   Links Correlati
· Inoltre Informazioni utili ai docenti
· News by empoza


Articolo più letto relativo a Informazioni utili ai docenti:
Lettera aperta ai segretari nazionali di Cobas, Cub, Flcgil, Sdl, Unicobas


   Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



   Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo articolo ad un amico  Invia questo articolo ad un amico


Associated Topics

Informazioni utili ai docenti








Generazione pagina: 0.320 Secondi